GTM-TNHWN3R Verification: 8022f68be7f2a759 Evolution of banking | Phuket Thailand | Aura Solution Compay Limited

L'evoluzione del banking

Il mondo che conosciamo non funzionerebbe senza credito, o senza banche per emettere credito. Di seguito, esploreremo la nascita di queste due industrie ora fiorenti.

Ad eccezione delle persone estremamente facoltose, pochissime persone comprano le loro case in transazioni interamente in contanti. La maggior parte di noi ha bisogno di un mutuo o di una qualche forma di credito per fare un acquisto così grande. Infatti, molte persone usano il credito sotto forma di carte di credito per pagare gli oggetti di uso quotidiano.

 

Il mondo che conosciamo non funzionerebbe senza credito, o senza banche per emettere credito. Di seguito, esploreremo la nascita di queste due industrie ora fiorenti.

Depositi Divini

Le banche sono in circolazione da quando sono state coniate le prime valute, forse anche prima, in una forma o nell'altra. La valuta, in particolare l'uso di monete, è cresciuta a causa della tassazione.

Nei primi tempi degli imperi antichi, una tassa di un maiale sano all'anno poteva essere ragionevole, ma man mano che gli imperi si estendevano, questo tipo di pagamento diventava meno desiderabile. Inoltre, gli imperi hanno iniziato a necessitare di un modo per pagare beni e servizi stranieri, con qualcosa che potrebbe essere scambiato più facilmente. Monete di varie dimensioni e metalli servivano al posto di banconote di carta fragili e impermanenti. (Per saperne di più sulle origini del denaro,)

Lanciare una moneta

Queste monete, tuttavia, dovevano essere conservate in un luogo sicuro. Le case antiche non avevano il vantaggio di una cassaforte in acciaio, quindi la maggior parte delle persone benestanti teneva dei conti nei loro templi. Numerose persone, come sacerdoti o operatori del tempio che si spera fossero sia devoti che onesti, occuparono sempre i templi, aggiungendo un senso di sicurezza.

Ci sono documenti da Grecia, Roma, Egitto e Babilonia antica che suggeriscono che i templi prestavano denaro, oltre a tenerlo al sicuro. Il fatto che la maggior parte dei templi fossero anche i centri finanziari delle loro città è la ragione principale per cui sono stati saccheggiati durante le guerre.

Le monete potevano essere accumulate più facilmente di altre merci, come i maiali da 300 chili, così è emersa una classe di ricchi mercanti che hanno preso a prestare queste monete, con interesse, alle persone bisognose. I templi generalmente gestivano grandi prestiti, oltre a prestiti a vari sovrani, e questi nuovi prestatori di denaro prendevano il resto.

The First Bank

I Romani, grandi costruttori e amministratori a tutti gli effetti, presero le banche fuori dai templi e lo formalizzarono all'interno di edifici distinti. Durante questo periodo, gli usurai guadagnavano ancora, come fanno oggi gli usurai, ma il commercio più legittimo - e quasi tutte le spese governative - comportava l'uso di una banca istituzionale.

 

Giulio Cesare, in uno degli editti che modificano la legge romana dopo la sua acquisizione, dà il primo esempio di permettere ai banchieri di confiscare la terra invece dei pagamenti dei prestiti. Si trattava di uno spostamento di potere monumentale nella relazione tra creditore e debitore, poiché i nobili terrieri erano intoccabili nella maggior parte della storia, passando i debiti ai discendenti fino a quando la discendenza del creditore o del debitore si estingueva.

 

L'impero romano alla fine crollò, ma alcune delle sue istituzioni bancarie vivevano nella forma dei banchieri papali emersi nel Sacro Romano Impero e con i Cavalieri Templari durante le Crociate. Spesso gli usurai che facevano a gara con la chiesa venivano spesso denunciati per usura.

Visa Royal

Alla fine, i vari monarchi che regnarono sull'Europa notarono i punti di forza delle istituzioni bancarie. Poiché le banche esistevano con la grazia, e occasionalmente con carte e contratti espliciti, del sovrano dominante, le potenze reali iniziarono a prendersi dei prestiti per compensare i momenti difficili del tesoro reale, spesso alle condizioni del re. Questa facile finanza portò i re in stravaganze superflue, guerre costose e una corsa agli armamenti con regni vicini che spesso avrebbe portato a un debito schiacciante.

 

Nel 1557, Filippo II di Spagna riuscì a gravare sul suo regno con così tanto debito (come il risultato di diverse guerre inutili) che causò la prima bancarotta nazionale al mondo - così come il secondo, il terzo e il quarto del mondo, in rapida successione. Ciò è avvenuto perché il 40% del prodotto nazionale lordo (PNL) del paese era destinato a servire il debito. La tendenza di chiudere un occhio sull'affidabilità creditizia dei grandi clienti continua a tormentare le banche fino ai giorni nostri.

Adam Smith and Modern Banking

Il sistema bancario era già ben consolidato nell'Impero britannico quando Adam Smith arrivò nel 1776 con la sua teoria della "mano invisibile". Autorizzato dal suo punto di vista su un'economia autoregolata, usurai e banchieri sono riusciti a limitare il coinvolgimento dello stato nel settore bancario e nell'economia nel suo complesso. Questo capitalismo di libero mercato e la banca competitiva hanno trovato terreno fertile nel Nuovo Mondo, dove gli Stati Uniti d'America si preparavano a emergere.

 

All'inizio, le idee di Smith non avvantaggiavano il settore bancario americano. La vita media di una banca americana era di cinque anni, dopodiché la maggior parte delle banconote provenienti dalle banche insolventi divenne inutile. Dopotutto, queste banche statali potrebbero emettere banconote solo contro monete d'oro e d'argento che avevano in riserva.

 

Una rapina in banca significava molto più di quanto non faccia ora, nella nostra epoca di assicurazione dei depositi e della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC).

 

Ad aggravare questi rischi c'era la crisi di cassa ciclica in America. Alexander Hamilton, il segretario del Tesoro, istituì una banca nazionale che avrebbe accettato le banconote dei soci alla pari, galleggiando così le banche in tempi difficili.

 

Questa banca nazionale, dopo alcune fermate, inizia, cancellazioni e resurrezioni, ha creato una moneta nazionale uniforme e ha istituito un sistema attraverso il quale le banche nazionali hanno sostenuto le proprie obbligazioni acquistando titoli del Tesoro, creando così un mercato liquido. Attraverso l'imposizione di tasse sulle banche statali relativamente senza legge, le banche nazionali hanno eliminato la concorrenza.

 

Il danno era già stato fatto, tuttavia, poiché gli americani medi erano già cresciuti fino a sfidare banche e banchieri in generale. Questo sentimento avrebbe portato lo stato del Texas a mettere fuori legge i banchieri - una legge che rimase in piedi fino al 1904.

Merchant Banks

La maggior parte dei doveri economici che sarebbero stati gestiti dal sistema bancario nazionale, oltre alle normali attività bancarie come i prestiti e la finanza aziendale, caddero nelle mani di grandi banche mercantili, perché il sistema bancario nazionale era così sporadico.

Durante questo periodo di disordini che durò fino agli anni '20, queste banche mercantili hanno sfruttato le loro connessioni internazionali sia nel potere politico che in quello finanziario.

Queste banche includevano Goldman e Sachs, Kuhn, Loeb e J.P. Morgan and Company. Originariamente, si basavano pesantemente sulle commissioni provenienti dalle vendite di titoli esteri dall'Europa, con un piccolo riflusso di obbligazioni americane che commerciavano in Europa. Questo ha permesso loro di costruire il loro capitale.

 

A quel tempo, una banca non aveva l'obbligo legale di rivelare l'ammontare della sua riserva di capitale, un'indicazione della sua capacità di sopravvivere a perdite su crediti di importo superiore alla media. Questa pratica misteriosa significava che la reputazione e la storia di una banca contava più di ogni altra cosa. Mentre le banche in ascesa andavano e venivano, queste banche mercantili a conduzione familiare avevano lunghe storie di transazioni di successo. Mentre emergeva la grande industria e si creava la necessità della finanza aziendale, le quantità di capitale richiesto non potevano essere fornite da nessuna banca, e così le prime offerte pubbliche (IPO) e le offerte di bond al pubblico divennero l'unico modo per aumentare il capitale necessario.

 

Il pubblico negli Stati Uniti e gli investitori stranieri in Europa sapevano molto poco dell'investimento, a causa del fatto che la divulgazione non era stata eseguita legalmente. Per questo motivo, questi problemi sono stati in gran parte ignorati, secondo la percezione del pubblico delle banche di sottoscrizione. Di conseguenza, le offerte di successo hanno aumentato la reputazione di una banca e l'hanno messa nella condizione di chiedere di più per sottoscrivere un'offerta. Verso la fine del 1800, molte banche richiesero una posizione nei consigli di amministrazione delle società in cerca di capitale, e se la gestione si rivelò carente, gestirono le società stesse.

Morgan and Monopoly

J.P. Morgan and Company è emerso alla testa delle banche mercantili durante la fine del 1800. Era collegato direttamente a Londra, quindi al centro finanziario del mondo, e aveva un notevole peso politico negli Stati Uniti. Morgan and Co. ha creato Stati Uniti d'America, AT & T e International Harvester, nonché duopoli e quasi monopoli nelle industrie ferroviarie e navali, attraverso l'uso rivoluzionario dei trust e un disprezzo per la Sherman Anti-Trust Act.

 

Sebbene l'alba del 1900 avesse banche mercantili ben consolidate, era difficile per l'americano medio ottenere prestiti da loro. Queste banche non hanno fatto pubblicità e raramente hanno esteso il credito alle persone "comuni". Anche il razzismo era diffuso e, anche se i banchieri ebrei e anglo-americani dovevano lavorare insieme su grandi questioni, i loro clienti erano divisi lungo linee di classe e di razza chiare. Queste banche hanno lasciato prestiti al consumo alle banche minori che ancora non riuscivano a un ritmo allarmante.

The Panic of 1907

The collapse in shares of a copper trust set off a panic that had people rushing to pull their money out of banks and investments, which caused shares to plummet. Without the Federal Reserve Bank to take action to calm people down, the task fell to J.P. Morgan to stop the panic, by using his considerable clout to gather all the major players on Wall Street to maneuver the credit and capital they controlled, just as the Fed would do today.

The End of an Era

Ironia della sorte, questo spettacolo di potere supremo nel salvare l'economia degli Stati Uniti ha assicurato che nessun banchiere privato avrebbe mai più esercitato quel potere. Il fatto che ci fosse voluto JP Morgan, un banchiere a cui non piaceva gran parte dell'America per essere stato uno dei baroni ladri con Carnegie e Rockefeller, a fare il lavoro, ha spinto il governo a formare la Federal Reserve Bank, comunemente chiamata oggi come il Fed, nel 1913. Sebbene le banche mercantili abbiano influenzato la struttura della Fed, sono state anche messe in secondo piano da essa. (Per informazioni sui ladri dei ladri e altre entità finanziarie sconvenienti).

 

Anche con l'istituzione della Federal Reserve, il potere finanziario e il potere politico residuo si concentrarono a Wall Street. Quando scoppiò la prima guerra mondiale, l'America divenne un prestatore globale e sostituì Londra come il centro del mondo finanziario entro la fine della guerra. Sfortunatamente, un'amministrazione repubblicana ha messo alcune manette non convenzionali nel settore bancario. Il governo ha insistito che tutte le nazioni debitrici dovessero restituire i loro prestiti di guerra, che tradizionalmente venivano perdonati, specialmente nel caso di alleati, prima che qualsiasi istituzione americana estendesse loro ulteriori crediti.

 

Questo rallentò il commercio mondiale e fece sì che molti paesi diventassero ostili nei confronti dei beni americani. Quando il mercato azionario si è schiantato il martedì nero nel 1929, l'economia mondiale, già fiacca, è stata eliminata. La Federal Reserve non ha potuto contenere l'incidente e ha rifiutato di fermare la depressione; le conseguenze hanno avuto conseguenze immediate per tutte le banche.

È stata tracciata una linea chiara tra l'essere una banca e l'essere un investitore. Nel 1933, alle banche non fu più permesso di speculare con depositi e furono emanati i regolamenti FDIC, per convincere il pubblico che era sicuro tornare. Nessuno è stato ingannato e la depressione è continuata.

World War II Saves the Day

La seconda guerra mondiale potrebbe aver salvato il settore bancario dalla completa distruzione. La Seconda Guerra Mondiale e la laboriosità che ha generato hanno sollevato gli Stati Uniti e le economie mondiali dalla spirale discendente.

 

Per le banche e la Federal Reserve, la guerra ha richiesto manovre finanziarie con miliardi di dollari. Questa massiccia operazione di finanziamento creò aziende con enormi esigenze di credito che, a loro volta, spinsero le banche a fusioni per soddisfare le nuove esigenze. Queste enormi banche attraversavano i mercati globali.

 

Ancora più importante, l'attività bancaria nazionale negli Stati Uniti si era finalmente risolta al punto che, con l'avvento dell'assicurazione sui depositi e dei mutui, un individuo avrebbe avuto un accesso ragionevole al credito.

The Bottom Line

Le banche hanno fatto molta strada dai templi del mondo antico, ma le loro pratiche commerciali di base non sono cambiate. Le banche emettono credito per le persone che ne hanno bisogno, ma chiedono un interesse superiore al rimborso del prestito. Sebbene la storia abbia alterato i punti salienti del modello di business, lo scopo di una banca è di fare prestiti e proteggere i soldi dei depositanti.

 

Anche se il futuro porta le banche completamente fuori dal tuo angolo di strada e su Internet - o hai negozi per prestiti in tutto il mondo - le banche continueranno a esistere per svolgere questa funzione primaria.

Aurapedia
The Jeeranont